New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Travis: A Ghost
Comunque non ci dimentichiamo che vengo dagli anni Novanta

Canzoni come farfalle: uscire dalla quarantena portandosi dietro un fantasma.

Fran Healy ci annuncia che l’essenza di una canzone è fragile come una farfalla, e che va afferrata e lasciata andare, restituendoci l’immagine di un musicista-canale, capace di produrre un oggetto tangibile – o quantomeno ascoltabile – da qualcosa che è “nell’aria”.

E in effetti sempre di evanescenza si parla: il singolo che introduce lo svogliato titolo 10 Songs – in uscita il 9 ottobre – si intitola A Ghost e si apre con due versi che sembrano un po’ avvalorare la tesi di cui sopra (che, per essere pignoli, era riferita a Butterflies, altra traccia dell’album): «Line by line we drew it up / Had our fill and threw it up». Il passato, la canzone: è uguale. Qualsiasi cosa sia, l’abbiamo presa, raccolta, ne abbiamo tratto quello che potevamo e l’abbiamo sputata via.

Il processo che ci si propone è quello di trasformare il sofferente in accattivante. Le parole arrivano serrate e ben incastrate all’orecchio, su una ritmica saltellosa e un po’ ruffiana. L’arrangiamento è essenziale e ottimamente calibrato e quell’organo sotto il ritornello esplica benissimo il concetto di haunting, parola per cui non ho ancora trovato una traduzione italiana che mi dia soddisfazione, e che Healy da bravo scozzese conosce bene – anche se in questo caso si tratta appena di una spezia che ricorda di cosa stiamo parlando: un fantasma che si affaccia attraverso lo specchio, ricordandoti che le cose le devi attraversare per arrivare all’altra riva ed è inutile cercare strade più facili. Il fantasma, però, alle volte si diverte e si mette a fare un gradevolissimo, esorcizzante pop-rock, così della sofferenza necessaria di cui sopra arriva solo un suggerimento, un barlume insomma.

Gradevole è pure il video, che la pregiata ditta Healy & Son ha costruito durante il lockdown. Buffo pensare ai segni sottili che resteranno di questo complicato periodo nelle arti. Quasi come spettri, appunto.

Travis 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!