Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Steve Von Till: Shadows on the Run
Sono il Townes Van Zandt del post-metal
↤ Tracce

La psichedelia rurale di un guru della decadenza.

Steve Von Till
Shadows on the Run

«The soul is what is left when the spirit dies».

Non amare Steve Von Till vuol dire non avere cuore. O comunque non aver compreso fino in fondo ciò che le trame dei suoi Neurosis hanno portato nel panorama della musica metal, facendola procedere oltre e inaugurando così quello che per molti è divenuto ormai post-metal.

↦ Leggi anche:
Sangre de Muerdago (feat. Steve von Till): Xuntas
Steve Von Till: Called from the Wind
Neurosis: Fire Is The End Lesson

Le diramazioni folk sono sempre state il territorio dove ritirarsi (insieme al compagno Scott Kelly) per riprendere fiato dalle sbraitate della main band. Ancora legate al patrono Townes Van Zandt, le tonalità si diramano nel plumbeo, nella fitta nebbia delle lande desolate, nel mondo interiore che si staglia quando si cerca di guardare più lontano.

La nenia di Shadows on the Run è quella prediletta del caro Von Till, ridondante e annichilente, dotata di una bellezza silente, come quelle carezze dei padri burberi, che proprio per questo sanno di vero e autentico. La psichedelia rurale di questi campi è tradotta dai rintocchi di un synth ossessivo, ipnotico, tanto magico quanto maledetto, ammaliante anche se tristemente orientato alle cose che finiscono. Agli spiriti. Ai deserti.

Il nuovo No Wilderness Deep Enough vedrà la luce insieme a un libro di liriche e poesie, Harvestman: 23 Untitled Poems and Collected Lyrics, a sottolineare finalmente anche l’aspetto testuale una proposta complessa come questa – sempre più Nick Cave, sempre più Coil, sempre più Brian Eno.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.