New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Victor DeLorenzo: Tranceaphone
Ma guarda te che me tocca fà: sonà dalla cameretta come un regazzino...

La Femmina perde il pelo ma non il vizio (di essere Violenta).

Milwaukee, 1982. Un padre, vedendo l’entusiasmo del figlio diciottenne che con i suoi amici aveva formato una band in cui aveva messo anima e corpo, decide di aiutarlo e finanzia per loro i 10.000 dollari necessari (circa 27.000 euro odierni tenendo conto di inflazione e potere di acquisto) per la registrazione di un album. Il primo. Il disco uscì l’anno seguente per la Slash Records e il resto è storia.

Questo per dire che, alla fine, è grazie al signor DeLorenzo se il mondo ha potuto ascoltare e amare i Violent Femmes, fautori di alcuni degli album più romanticamente belli della scena folk-punk (o indie, come si diceva una volta prima che il termine venisse insozzato da gruppuscoli ahimè noti) americana. Il figlio Victor ne era il batterista, e uscì dal gruppo a metà anni Novanta continuando da solo, tra collaborazioni e progetti solisti.

Torna oggi con un EP che è pura poesia, di cui la title-track è una summa artistica e stilistica. Due minuti e tredici secondi con un 4/4 vizioso ed eroticamente trashy che diventa malinconicamente evocativo nei brevi refrain, prima che delle tastiere sinuose prendano corpo accompagnando il mantra del testo. Parole che sanno di autobiografia: «non sarai mai solo con il tuo Tranceaphone» (il suddetto oggetto era un bidone di metallo a testa in giù che il Nostro usava a inizio carriera quando i VF suonavano per strada). Simpatico anche il richiamo ironico all’epicità di You’ll Never Walk Alone. Tutto in due frasi e due riff.

Insomma, il vecchietto dimostra ai giovani come in centotrentatré secondi si possa essere terribilmente efficaci e incisivi anche senza troppi imbellettamenti. Basta solo avere davvero qualcosa da dire.

Victor DeLorenzo 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!