Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The Soft Moon: Black Sabbath
Penso ancora a quel povero pipistrello...
↤ Tracce

Nuvole elettriche per ridare vita al Sabba Nero.

The Soft Moon
Black Sabbath

Se bisogna trovare una canzone che abbia in qualche modo dato fuoco alle polveri per quanto concerne un genere musicale, probabilmente ogni appassionato avrà la sua idea. Di certo però se si parla della nascita del metal i Black Sabbath vincono facile: il tritono che apre magistralmente il loro disco di debutto è di fatto la pietra su cui si pongono le fondamenta di tutto il rock pesante a venire.

Interessante quindi sentire come una band, apparentemente agli antipodi rispetto a quanto proposto da Iommi e compagnia, riesca a fare suo quel classico senza tempo. L’approccio all’omonimo brano dei Sabbath da parte dei Soft Moon è curioso ed efficace: non va a stravolgere da cima a fondo la partitura, restando anzi molto fedele alle battute, ma trasporta tutto in un contesto molto più vicino a un goth club dei primi anni ‘90, dove l’industrial si mischiava con ciò che rimaneva della new wave. In altri termini, lo scenario che ha fatto la fortuna di gente come i NIN, per rimanere sui nomi grossi.

↦ Leggi anche:
Luis Vasquez: This Guilt

Il pezzo (che curiosamente risulta uno dei più neri e pesanti mai registrati dai Soft Moon sinora) fa parte di una splendida compilation/tributo a opera della sempre attenta Sacred Bones, che ha deciso di mettere alla prova parte del suo roster con i brani della leggendaria band di Birmingham, festeggiando così il cinquantesimo compleanno del Sabba Nero. Incredibili le versioni di Hilary Woods, Zola Jesus e Moon Duo, lodevoli o piacevoli le altre. Da ascoltare.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.