Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Secret Shame: Dissolve
Due passi all'aria aperta ci volevano proprio
↤ Tracce

Il fantasma dello spleen di metà anni Ottanta torna a ballare.

Secret Shame
Dissolve

L’amarcord può essere noioso e ripetitivo, ma anche divertente. Soprattutto quando si scelgono dei periodi storici e se ne pescano le cose più policromatiche. Ci sono mille band influenzate dai Joy Division o dai Cure più darkeggianti, ma sembra che, per qualche motivo morale ed etico, avvicinarsi a quelle sonorità comporti assolutamente il rinnegarne gli insegnamenti che portano a soluzioni più puramente pop. Per fortuna qualcuno se ne frega.

I post-punker Secret Shame hanno deciso da tempo di spargere in North Carolina il verbo dei New Order “suonati” e dei Cure “post ‘82” con risultati incredibilmente eccellenti. Dopo un periodo travagliato con assestamenti di line-up, arrivano al nuovo singolo e non ce n’è per nessuno: ritmica adrenalinica con basso chorusato alla Hooky sparato a mille, tastiere e chitarre sognanti con melodie perfette in cui perdersi sulle quali si posa la voce romantica e stralunata di Lena, una che potrebbe fare innamorare molti giovani Cureheads là fuori.

Nulla di nuovo sotto il sole quindi? No. “Solo” un singolo pop che ricalca in maniera terribilmente efficace ciò che di meglio poteva uscire dall’alternative indie a metà anni ‘80 e che in un epoca diversa probabilmente sarebbe già considerato culto. Semplicemente adorabile in tutto e per tutto, perfetto da ascoltare a ripetizione in questa strana primavera 2020, piena sì di sole e aria buona ma con lo spleen sempre pronto a battere sulla spalla.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.