Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Groove Armada: Get Out on the Dancefloor
Ostinatamente noi
↤ Tracce

Dici Groove Armada e riaprono i club. Anche in fase 2.

Groove Armada
Get Out on the Dancefloor

Con tutta la calma del mondo, i Groove Armada hanno dato il via libera al nuovo singolo, Get Out on the Dancefloor – un titolo che, oltre a un’esortazione, potrebbe essere il loro epitaffio.

Sia chiaro: Tom Findlay e Andy Cato sono ben lontani dall’essere finiti. Questo è un pezzo che, applicato alla fase 2, è più vivo che mai, perché è un incoraggiamento a trovare un posto buono per ballare in casa propria. Come fanno quelli del video, tra cui spiccano la divina Sophie Ellis-Bextor e Nick Littlemore degli Empire of the Sun.

Get out on the Dancefloor ha in sé tutta l’essenza dei Groove Armada: quel polleggiato, caraibico buonumore che accompagna la fine di ogni dj set. Quella rassicurante formula che ti dice che non sarai mai troppo vecchio per buttarti nella mischia o fare il piacione a bordo pista. Niente sample questa volta, né “cut&paste”. Lineari. Radiofonici. Abbinabili a tutto.

I Groove Armada sono ormai una “classic dance band”, forse l’unica sulla Terra a meritarsi quest’etichetta. Perché trovatela voi un’altra “dance band” con la loro capacità di aggregazione, la loro longevità, la loro produzione fatta di hit quasi generazionali. Soprattutto, trovatene una che va a Ibiza ininterrottamente da trent’anni.

È vero, probabilmente, dal punto di vista discografico, hanno dato il meglio di sé nei primi anni ‘00. Ma chi ha sottovalutato la potenza e la bellezza di Black Light (OM Records, 2010) si sbaglia di grosso. A tutti gli effetti, quello è un album da antologia, che andrebbe riscoperto, in attesa del prossimo. È il momento giusto per farlo.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.