Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Car Seat Headrest: There Must Be More Than Blood
I nuovi Car Seat Headrest feat. Trait, la maschera
↤ Tracce

La nuova faccia di Will Toledo è quella che non ti aspetti.

Car Seat Headrest
There Must Be More Than Blood

Simpaticamente qualcuno, in rete, ha già definito Making a Door Less Open «il Kid A dei Car Seat Headrest». A livello musicale siamo proprio altrove, ma il discorso può avere il suo senso se si considera come non si fosse mai visto un Will Toledo così attento ad andare oltre delle sonorità che avevano già mietuto il loro colpo definitivo con Teens of Denial.

Lo stesso Toledo, ora divenuto Trait, una maschera antigas con led come occhi, ha parlato del nuovo materiale chiemando in causa «EDM, hip hop, futurism, doo-wop, soul, and of course rock and roll». Un mix volutamente ambiguo, soprattutto come evoluzione di un disco che ha rappresentato ciò l’indie rock avrebbe potuto magistralmente divenire nell’ultimo decennio.

↦ Leggi anche:
Car Seat Headrest: Nervous Young Inhumans

Quando c’è un capolavoro sono probabilmente due le cose che si possono fare: o si tenta di bissarlo o ci si butta a capofitto in nuovi territori. Qui, senza dubbio, si sceglie la seconda strada e ci si spinge decisamente oltre. È come aver girato Il petroliere (There Will Be Blood il titolo originale) e non accontentarsi. E se il paragone probabilmente non vale per tutto l’album, è anche vero che in certi punti spicca qualcosa di davvero riuscito, come There Must Be More Than Blood appunto (interessante anche nella sua versione acustica da rock ballad).

Toledo piazza la sua ripetitiva nenia timbrica in un brano ridondante e prolisso, che però mette in pratica perfettamente le migliori intenzioni in termini di efficacia finale e tentativi di innovazione. Le perturbazioni di un anthem miracoloso come The Ballad of Costa Concordia sembrano lontane anni luce, in favore di un pattern unico di oltre sette minuti che ripesca però quel tono speciale tipico dei Car Seat Headrest, che può ancora – grazie a qualche strano fattore X – fare la differenza.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?

Sei già abbonato? Accedi!


.