Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Pure Reason Revolution: Ghosts & Typhoons
Dai banchi di Westminster
↤ Tracce

La sempre cara, vecchia formula del progressive rock inglese.

Pure Reason Revolution
Ghosts & Typhoons

Formatisi all’Università di Westminster nel 2003 e scioltisi nel 2011, i Pure Reason Revolution decidono amabilmente di riunirsi qualche anno fa, nel 2018, e di tornare sulle scene discografiche con il recente Eupnea, uscito il 3 aprile scorso per l’iconica Inside Out. Un disco che già sta godendo di un ottimo riscontro di pubblico e critica. A quanto pare il nome suscita ancora pieno interesse, pace per chi se lo era facilmente dimenticato.

I PPR originali oggi sono solo Jon Courtney e Chloë Alper, ma sembra siano più che sufficienti, visto come riescono ancora a giocare con ventate di freschezza elettronica a tinte pop per rendere il nuovo disco un prodotto progressive gustosamente “al passo coi tempi”.

Il genere, come si sa, soprattutto in terra inglese, non è proprio uno di quelli che si è dato alla modernità più ricercata. Anzi, si è arroccato a lungo sui medesimi toni (si veda tranquillamente la maggior parte delle uscite di Inside Out o della wilsoniana Kscope per conferma). Non ce ne voglia nessuno, naturalmente, ma per molti la musica progressiva vera e propria potrebbe non essere esattamente rappresentata appieno della (ancora troppo stantia) scena odierna.

In Ghosts & Typhoon l’accoppiata vocale Courtney e Alper, unita a certi rintocchi electro, riesce a rendere non anacronistico quel riff progressive che già abbiamo sentito più volte. Si aggiunga una produzione ben degna dell’etichetta e un ritornello pop che si stampa subito in mente ed ecco che la canzone è bell’e che fatta. Tutto sommato la prova del tempo sembra superata. E l’ascolto del disco intero è consigliato. Magari in accoppiata col ritorno degli Psychotic Waltz.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  Electro  May 2020  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!

.