New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Headie One: Gang
Questo è chiaramente uno tosto

Ecco la next big thing dell’hip-hop britannico, tra grime e Burial.

Headie One è un giovanotto inglese che nel circuito rap-grime-drill si è fatto la gavetta giusta: singoli, EP e pure qualche collaborazione con pesi massimi del giro come Skepta e Dave. Ora si presenta con un album d’esordio intitolato GANG e prodotto da Fred Again.

Cosa c’è di speciale? Beh, basta scorrere i featuring presenti nella scaletta in questione: Sampha, FKA Twigs, Jamie XX e Slowthai. Una compagnia mica di sfigati. E se nomi di questo calibro hanno accettato di presenziare nel disco di un esordiente, potrebbe voler dire che qualche buona carta da giocarsi questo sbarbatello ce l’abbia.

La titletrack è l’apripista perfetta. Le atmosfere fanno molto Burial, con quei vecchi campioni soul femminili ripescati da chissà quale vinile lasciato a prendere polvere. Il resto delle sonorità si inzuppano in un intingolo molto british, tra UK garage, ritmiche hip hop e una coda che affonda le radici addirittura nel gospel. Il rapping di Headie One è diretto e senza tanti fronzoli, frutto di una penna non ancora indimenticabile ma onesta, e capace di spaziare tra vari registri e sporcarsi pure con un po’ di ben dosato autotune. Teniamolo d’occhio.

Headie One 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!