Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Broken Up: The Cage
Pensa quando ci scioglieremo che fico con sto nome
↤ Tracce

Shoegaze in black, ovvero dark che si guardano le scarpe.

Broken Up
The Cage

Che ci fanno il basso e la chitarra di Dedo Panzera degli Intelligence Dept. e Max Caselli dei Go Flamingo! in uno studio? Niente. A meno che non siano accompagnati da Chiara Boldrini alla voce e Tom Lampronti alle tastiere, e allora la cosa si fa interessante.

The Cage è il terzo singolo tratto dal loro debut Soul Victim e ci presenta una band che pesca a piene mani nella darkwave elettronica che fu senza disdegnare un approccio più moderno, soprattutto per quel che riguarda alcune soluzioni ritmiche che cercano di svecchiare dei cliché ormai triti e ritriti.

Più che i Cocteau Twins o i Banshees, i nostri rimandano alle intuizioni melodiche stratificate dei Curve, con un gusto piacevole per le atmosfere dilatate e il massiccio uso di spazio sonoro nelle partiture. Sono miriadi le influenze che si possono trovare in questo singolo ammaliante, dove dark è l’aggettivo che si potrebbe scegliere per questo connubio tra dream-pop e shoegaze, in un brano che punta tutto sulla cura maniacale dei dettagli, pur basandosi su una struttura solo apparentemente semplice.

Di certo non la solita band nerovestita.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.