Bright Eyes: Persona Non Grata
Nonostante tutto, siamo ancora benvoluti
 
← Music discovery

La preziosa involuzione dell’ex enfant prodige dell’indie rock di inizio Duemila.

Bright Eyes
Persona Non Grata

Luca Villa
Luca Villa

Una regola non scritta che nel mondo musicale si è rivelata vera più di una volta: se sei un’artista di un certo calibro, tanto più ti allontani da quello per cui sei diventato famoso, quanto è sicuro che prima o poi tornerai al nocciolo della questione. Vedi Conor Oberst. Ormai entrato nel club degli anta, eccolo riformare i Bright Eyes e riappropiarsi in men che non si dica di quel formato “ballata acustica con voce tremolante” che l’ha fatto tanto applaudire dai più nel triennio 2002/2004, ma dal quale si era staccato negli ultimi tempi.

Dopo aver urlato con i Desaparecidos, aver scritto un buon disco con Phoebe Bridgers e aver girato l’america con la Mystic Valley Band, torna – a un decennio di distanza – insieme alla band che l’ha fatto conoscere un po’ a tutti, con un singolo che si lascia ascoltare più che bene. Un appetitoso antipasto, in attesa dell’album che arriverà sicuramente quest’anno. Costi quel che costi – coronavirus a parte – perché è stato proprio Oberst a prometterlo solamente qualche giorno fa.

Nell’attesa, possiamo sempre riascoltare I’m Wide Awake, It’s Morning (disco che sta peraltro invecchiando piuttosto bene, va detto).

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy