Humans vs Robots
 
Bright Eyes: Persona Non Grata
Nonostante tutto, siamo ancora benvoluti
↞ Playlist

La preziosa involuzione dell’ex enfant prodige dell’indie rock di inizio Duemila.

Bright Eyes
Persona Non Grata

Una regola non scritta che nel mondo musicale si è rivelata vera più di una volta: se sei un’artista di un certo calibro, tanto più ti allontani da quello per cui sei diventato famoso, quanto è sicuro che prima o poi tornerai al nocciolo della questione. Vedi Conor Oberst. Ormai entrato nel club degli anta, eccolo riformare i Bright Eyes e riappropiarsi in men che non si dica di quel formato “ballata acustica con voce tremolante” che l’ha fatto tanto applaudire dai più nel triennio 2002/2004, ma dal quale si era staccato negli ultimi tempi.

Dopo aver urlato con i Desaparecidos, aver scritto un buon disco con Phoebe Bridgers e aver girato l’america con la Mystic Valley Band, torna – a un decennio di distanza – insieme alla band che l’ha fatto conoscere un po’ a tutti, con un singolo che si lascia ascoltare più che bene. Un appetitoso antipasto, in attesa dell’album che arriverà sicuramente quest’anno. Costi quel che costi – coronavirus a parte – perché è stato proprio Oberst a prometterlo solamente qualche giorno fa.

Nell’attesa, possiamo sempre riascoltare I’m Wide Awake, It’s Morning (disco che sta peraltro invecchiando piuttosto bene, va detto).

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)