Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The Radio Dept: You Fear the Wrong Thing Baby
Il dream pop è bello, ma faticoso
↤ Tracce

La stazione radio che da sempre tocca le frequenze giuste.

The Radio Dept
You Fear the Wrong Thing Baby

Bel ritorno per i super dream poppers da Lund, Johan Duncanson e Martin Larsson, di nuovo alle prese con quella miscela a metà tra Pet Shop Boys e My Bloody Valentine. Certo: come non cavalcare l’onda che il genere sta ormai producendo ininterrottamente da qualche anno?

Già, perché l’elettronica Eighties non sembra essere più solo appannaggio del metallaro trascendente (vedi Ulver, Katatonia ecc.) o dell’indie rocker. Ormai, tutti quelli con un dispositivo di registrazione e buon gusto possono “esprimere” secondo questi canoni. Fortunatamente circa vent’anni di attività musicale nel campo fanno sì che i Radio Dept riescano ancora a mantenere il proprio status di paladini, e non di cloni. Ancora vincolati al nome Radioavdelningen, originariamente preso dall’insegna di una stazione di benzina in cui, se necessario, potervi anche farti riparare l’autoradio. Era il 1995, sembra ieri.

You Fear the Wrong Thing Baby è infatti esattamente ciò che ci si aspetta di sentire, soprattutto da parte di chi è ancora rimasto attaccato al mitico Lesser Matters del 2003. Non c’è più quel sentore autentico, forse, ma stiamo comunque parlando di gente che quel che fa lo sa fare bene.

Radiofonico, evocativo, riverberato al punto giusto, ma anche suonato, con un approccio acustico nordeuropeo e un piglio ancora abbastanza identificativo degli svedesi. Sintomatico anche il testo sulla fine dei nostri giorni: «In the end time to end all end times / Still can’t keep everyone down / Some hijackers will prove the shackles / Are wasted on the young». Profetico, in qualche modo.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.