Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Matt Berninger: Holes
Il Berninger nazionale
↤ Tracce

In bicicletta, al molo, canticchiando i Mercury Rev, col caschetto protettivo.

Matt Berninger
Holes

«Bands, those funny little plans, that never work quite right».

Già, ma i National godono di ottima salute, c’è poco da farci. Talmente buona che tutti ne guadagnano, anche – e ovviamente – il suo frontman, Matt Berninger, che ha ben pensato di tirar fuori un 7” con una cover di un pezzo straordinario come Holes dei Mercury Rev, associato alla B-side A Reproductive Rights Call to Action, un testo recitato dal professore e avvocato dell’amministrazione Obama Neal Katyal. Tutto per la serie 7-inches for Planned Parenthood, che presenta anche Bon Iver, St. Vincent, Björk, Foo Fighters, Sleater-Kinney, Mary J. Blige e altra gente seria, dunque. Cose in grande.

↦ Leggi anche:
Matt Berninger: I’m Waiting for the Man

Non è che ci volesse poi molto, in effetti. Le tonalità del mirabile I Am Easy to Find sono qui ripercorse in toto: l’aggiunta della medesima voce femminile, quel sound acustico che lascia da parte i rintocchi di Sleep Well Beast e cresce pian piano con i fiati, docilmente ma efficacemente. In più, il tutto è super professionalmente prodotto da Booker T. Jones e suonato da Gail Ann Dorsey (bassista di Bowie), Matt Barrick (The Walkmen) e Mickey Raphael (fida armonica di Willie Nelson).

Se poi ci aggiungi la fotografia di Chris Sgroi da film indie Netflix, la voce baritonale di Mr. Berninger, il rimando a un pezzo culto di una band culto (1998, dal mitico Deserter’s Songs) e soprattutto il visir dell’adult rock che gira in bici dalle parti del molo, a notte fonda, hai già fatto terno al lotto per piacere immediatamente a chiunque. Diciamo almeno a quelli sopra i 28 anni, va’. Senza strafare.

Eppure la reinterpretazione regge senza particolari sforzi l’originale. Malinconia a palate, un velo di luce e un testo che riesce sempre a dire tutto e non dire niente, come solo i grandi sanno scrivere. «Holes, dug by little moles, angry jealous spies, got telephones for eyes, come to you as friends, all those endless ends».

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Cover  Editor's pick  Rock  Pop  March 2020  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.