Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Mark Lanegan: Skeleton Key
I will survive!
↤ Tracce

La memoria persa è una vita (quasi) sprecata.

Mark Lanegan
Skeleton Key

Come spesso accade a quelli che hanno conosciuto da vicino l’abisso, una volta rinati ne esorcizzano la presenza diventando fertili di vita, relegando l’eco degli antichi fantasmi alle parole di un libro o di un umbratile cantautorato.

Mark Lanegan fa tutte e due le cose. Giunto ben oltre al mezzo secolo (e incredulo lui stesso di esserci arrivato), partorisce quasi in contemporanea il libro autobiografico Sings Backwards and Weep e l’album Straight Songs of Sorrow che sarà prodotto, come il precedente Somebody’s Knocking , dal tocco magico di Alain Johannes e che vedrà la partecipazione tra gli altri di Warren Ellis, Greg Dulli, Ed Harcourt, Mark Morton dei Lamb of God.

↦ Leggi anche:
Christine Owman: When On Fire (feat. Mark Lanegan)
Domkraft (feat. Mark Lanegan): Where We Part Ways

Skeleton Key, il primo brano estratto da quest’ultimo lavoro, addensa luci sulfuree ridestando a ritroso demoni mai sopiti (ma sempre abbracciati) attraverso un lirismo che ricorda gli episodi più melodici di Bubblegum e di I’ll Take Care of You. Abbandonando per un attimo le sperimentazioni elettroniche, Mark ritorna alla sua radice musicale con un ritmica scarna ed essenziale, che denuda l’anima.

Attraverso un passepartout (la skeleton key) apre gli armadi del suo passato dando aria agli scheletri che sono diventati l’ossatura fondamentale delle nuove canzoni. La sua voce roca brilla quando, su di un impianto ossessivo, reiterato e minimale, recita la preghiera della sopravvivenza: «Ho trascorso la mia vita cercando di morire in ogni modo / è il mio destino essere l’ultimo? / tutte le cime ombrose che ho scalato / e devo ancora essere rinviato».

Lì dove gli alberi hanno smesso di urlare fiorisce l’ultimo pagano romanticismo. Amen.

Barbara Volpi
Barbara Volpi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  March 2020  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.