Humans vs Robots
 
Lanterns on the Lake: Every Atom
Le lanterne sul lago, sempre più luminose
↞ Playlist

Bristol in America: dream-pop o qualcosa del genere.

Lanterns on the Lake
Every Atom

Non sono mai stati un gruppo di quelli che si identificano al primo ascolto, possiamo dircelo in tranquillità. La mistura dei ragazzi di Newcastle è sempre stata lì, intorno a quel dream-pop un po’ bristoliano e un po’ d’America da Bang Bang Bar (i Chromatics insegnano), velata anche di quello spirito folk di provincia hipster-friendly.

Eppure qui, giunti quasi al decennale della band, il quintetto inglese sfodera forse le sue carte migliori e più riuscite. Spook the Herd mette in piedi ottimi arrangiamenti che, da quel folk a tinte fosche che era Gracious Tide, Take Me Home, sembravano portare la band ad altri lidi.

E invece eccoli qua, in un pezzo come il suadente singolo apripista Every Atom, con la voce della Wilde al solito posto – tra Beth Gibbons e ancora Beth Gibbons – e quel tocco dissonante di certe melodie chitarristiche che impreziosisce il tutto, togliendo lo smalto plasticoso di cui sono ornate ormai tutte le produzioni indie-pop, inglesi e non. Il discorso è musicalmente eloquente, non troppo ricercato né ambizioso, eppure prezioso, malinconico senza doverlo per forza essere, lo-fi (come il bel video) efficace anche se modaiolo, tinto di quel post-rock in voga ormai dappertutto.

Senza urlare a nessun miracolo e senza stravolgere nessuna carta in gioco i Lanterns on the Lake riescono nell’impresa di diventare un nome di lustro nel panorama indie/pop/folk. E non solo nella playlist raccomandata da un qualche algoritmo.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)