Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Lanterns on the Lake: Every Atom
Le lanterne sul lago, sempre più luminose
↤ Tracce

Bristol in America: dream-pop o qualcosa del genere.

Non sono mai stati un gruppo di quelli che si identificano al primo ascolto, possiamo dircelo in tranquillità. La mistura dei ragazzi di Newcastle è sempre stata lì, intorno a quel dream-pop un po’ bristoliano e un po’ d’America da Bang Bang Bar (i Chromatics insegnano), velata anche di quello spirito folk di provincia hipster-friendly.

Eppure qui, giunti quasi al decennale della band, il quintetto inglese sfodera forse le sue carte migliori e più riuscite. Spook the Herd mette in piedi ottimi arrangiamenti che, da quel folk a tinte fosche che era Gracious Tide, Take Me Home, sembravano portare la band ad altri lidi.

E invece eccoli qua, in un pezzo come il suadente singolo apripista Every Atom, con la voce della Wilde al solito posto – tra Beth Gibbons e ancora Beth Gibbons – e quel tocco dissonante di certe melodie chitarristiche che impreziosisce il tutto, togliendo lo smalto plasticoso di cui sono ornate ormai tutte le produzioni indie-pop, inglesi e non. Il discorso è musicalmente eloquente, non troppo ricercato né ambizioso, eppure prezioso, malinconico senza doverlo per forza essere, lo-fi (come il bel video) efficace anche se modaiolo, tinto di quel post-rock in voga ormai dappertutto.

Senza urlare a nessun miracolo e senza stravolgere nessuna carta in gioco i Lanterns on the Lake riescono nell’impresa di diventare un nome di lustro nel panorama indie/pop/folk. E non solo nella playlist raccomandata da un qualche algoritmo.

//