New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

True Body: Spirit City
Dov'è Muttley?

Non di solo Curtis si cibano i giovani wavers.

Prima o poi sarebbe successo. In un’epoca dove bene o male tutto è stato detto e siamo ormai al revival del revival, c’è gente che da un po’ ha smesso di usare la formula matematica post-punk = Joy Division, mutandola in qualcosa che comprendesse altri suoni. Insomma, che andasse a pescare anche da altri, tipo Echo and the Bunnymen o And Also the Trees.

È il caso di questi True Body (americani – da Richmond, Virginia) con il cuore zeppo di nebbia british che, anche non inventando nulla di nuovo, riescono a rapire e coinvolgere con Spirit City: brano arioso e malinconico dall’incedere ballabile e cantilenante che rimanda ai fasti sonori di un’epoca che fu, ma senza per forza di cose basarsi sempre e solo sul quartetto più famoso di Salford. Il tutto coadiuvato da un videoclip, tanto patinato quanto macabro, che vede i nostri a spasso su un carro funebre prima di cantare all togheter in un cimitero: molto goth, se non per il fatto che nessuno porta croci o spike e il tutto sembra davvero un raduno di post adolescenti con chili di spleen sulle spalle.

Una band che ha molto da dire, di cui già ora si possono intravedere i potenziali. Purché non se ne escano con una cover di Ceremony.

True Body 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!