Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

True Body: Spirit City
Dov'è Muttley?
↤ Tracce

Non di solo Curtis si cibano i giovani wavers.

True Body
Spirit City

Prima o poi sarebbe successo. In un’epoca dove bene o male tutto è stato detto e siamo ormai al revival del revival, c’è gente che da un po’ ha smesso di usare la formula matematica post-punk = Joy Division, mutandola in qualcosa che comprendesse altri suoni. Insomma, che andasse a pescare anche da altri, tipo Echo and the Bunnymen o And Also the Trees.

È il caso di questi True Body (americani – da Richmond, Virginia) con il cuore zeppo di nebbia british che, anche non inventando nulla di nuovo, riescono a rapire e coinvolgere con Spirit City: brano arioso e malinconico dall’incedere ballabile e cantilenante che rimanda ai fasti sonori di un’epoca che fu, ma senza per forza di cose basarsi sempre e solo sul quartetto più famoso di Salford. Il tutto coadiuvato da un videoclip, tanto patinato quanto macabro, che vede i nostri a spasso su un carro funebre prima di cantare all togheter in un cimitero: molto goth, se non per il fatto che nessuno porta croci o spike e il tutto sembra davvero un raduno di post adolescenti con chili di spleen sulle spalle.

Una band che ha molto da dire, di cui già ora si possono intravedere i potenziali. Purché non se ne escano con una cover di Ceremony.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.