Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The Strokes: At The Door
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino
↤ Tracce

Come continuare a essere i più coraggiosi della brigata dei gruppi col “The” davanti al nome.

The Strokes
At The Door

Bisogna ammettere che si devono avere delle grandi palle per tornare dopo sette anni di silenzio con un singolo come questo. Dove non c’è la batteria e in cui le chitarre si sentono a malapena. In primo piano una marea di synth e la voce di Julian Casablancas. E si va avanti così per cinque-minuti-cinque, senza grandi variazioni sul tema.

Parliamo degli Strokes, band di ragazzotti pieni di soldi, figli di papà, il cui cantante invece che giocare con i soldatini dei G.I. Joe guardava le modelle passare per le stanze di casa sua. Gente che è andata all’università in Svizzera, tanto per dire. Insomma, cosa ci si poteva aspettare da fortunelli come questi?

Che sia stata una mossa coraggiosa, è assolutamente fuori discussione. Il 10 aprile uscirà il nuovo album (intitolato The New Abnormal) e un pezzo così conferma come i cinque, invece che continuare a ripetere l’apprezzata formula dell’esordio – che nel 2021 compirà vent’anni – abbiano man mano saputo mettersi in discussione, abbandonando progressivamente le marcate influenze del loro primo periodo (Television e compagnia bella) a favore di canzoni che hanno lasciato di stucco più di un loro fan.

In pratica, hanno avuto il fegato che pare del tutto mancare a tanti loro colleghi – il che ci fa quasi pensare che siano proprio gli Strokes la miglior band nata negli anni Zero. Senz’altro quella con più voglia (e meno paura) di mettersi costantemente in gioco.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.