Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Sparta: Believe
Dopotutto basta crederci, no?
↤ Tracce

Tra realtà e finzione, proprio come ai tempi dell’Antica Grecia, torna un gruppo scomparso da ben quattordici anni.

Sparta
Believe

Fin troppo spesso nel mondo della musica i componenti più conosciuti e riconoscibili di una formazione sono quelli cui viene dato il merito di tutto.

Prendete gli At The Drive-In, probabilmente una delle migliori band degli anni Zero. Poco dopo essere diventata un pelo famosa aveva deciso di tirare i remi in barca e – vuoi per le diverse influenze oppure per le differenti droghe assunte – i vari componenti avevano preso strade diverse. Come volevasi dimostrare, l’unico vero successo originato da quello split è stata la creatura figlia dei dei due membri più celebri (Omar Rodríguez-López e Cedric Bixler Zavala): i Mars Volta, sin da subito applauditi da mezzo mondo.

↦ Leggi anche:
Jim Ward: Day by Day

Nel frattempo gli ATD-I c’avevano pure riprovato per qualche data nel 2012 (ma senza troppa fortuna) e poi definitivamente quattro anni dopo, con risultati più che buoni, per altro. Non fosse per la sola nota stonata di quella reunion: la mancanza di una delle vere anime del complesso, Jim Ward, il chitarrista e “urlatore” del gruppo. La sua scelta di rimanere più in ombra rispetto agli ex compagni di brigata – formando prima gli Sparta (che continuarono il discorso della band madre, con tre ottimi album pubblicati tra il 2003 e il 2006) e poi gli Sleepercar (influenzati dal cantautorato americano in stile Ryan Adams) – sembrava essersi conclusa nell’inevitabile (e un po’ pallosa) produzione acustica in solista.

Rieccolo invece riesumare proprio il suo primo progetto post-At The Drive-In e uscirsene con Believe – singolo apripista di Trust the River, fuori il 10 aprile – che annuncia un gradito ritorno di quel ragazzo che contribuì, nei primi anni Duemila, a farci ancora credere nel rock (anche se solo per qualche tempo).

Dopotutto basta esser convinti, no?

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  February 2020  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.