Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The Psychedelic Furs: Don't Believe
Non credere che sia finita qui
↤ Tracce

La band che poteva far fuori gli U2 torna con un nuovo album dopo ventinove anni.

The Psychedelic Furs
Don't Believe

Guardate qui: il conduttore americano Dick Clark, durante una puntata del celeberrimo show American Bandstand intervista una delle band del momento – The Psychedelic Furs. I toni ecumenici di Clark, che chiede ai membri del gruppo a che ora vanno a letto e se si nutrono a dovere, ricordano quelli di un epico Mike Bongiorno che a Superflash perculava i Depeche Mode perché erano tutti vestiti di nero. Il girone era lo stesso, ed era molto affollato: gente inglese con le tastiere che sbancava negli USA. Primi anni Ottanta.

Ci fu addirittura un momento in cui pareva che la band londinese potesse scavallare gli U2, a cavallo tra Boy e quel fantastico Talk Talk Talk, entrambi prodotti da Steve Lillywhite. Ma la loro carta vincente erano i singoli, carichi da novanta come Heaven, The Ghost in You, e la bowieana Love My Way (riesumata per la colonna sonora di Stranger Things).

Da quando si sono riformati, nel 2001, gli Psychedelic Furs sono stati quasi ininterrottamente in tour, quindi parlare di “ventinove anni di assenza” non è corretto. Ma il nuovo singolo, Don’t Believe è sì il primo dal 1991. Un pezzo notturno, sinistro, con una sezione ritmica galoppante e quella straordinaria muraglia di chitarre e synth e sax che hanno reso questa band riconoscibile tra mille. Poi c’è ancora la voce imperfetta di Richard Butler che con il tempo ha guadagnato in corposità. Un pezzo valido, impertintente. Peccato per la ripetitività quasi ossessiva del ritornello.

Il nuovo album Made of Rain esce a marzo, è stato registrato con Richard Fortus, (ex Love Spit Love) e mixato dal grande Tim Palmer. La Brexit non fermerà le Pellicce Psichedeliche.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.