Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Outrage: Last Fuckin' Hour
Altro che pajata
↤ Tracce

Sbirciare nei cassetti della memoria del thrash metal capitolino.

Outrage
Last Fuckin' Hour

Jeans stretti e sneakers alte. Spillette e toppe. Glam vs thrash. Paninari al rogo. HM e Metal shock. Mariposa e Transex. Disfunzioni e Millerecords. Kailua e Inferno e Suicidio. Fanzine e Demo-tape. Donington. Il chiodo. Capelli lunghi. Birra scadente. Uniti sotto un’unica bandiera. Suonare all’Hammersmith. Sognare di farcela.

Negli anni ‘80 il metal era anche questo, e nel Bel Paese erano decine le band che ci provavano. Alcune valide, altre meno, poche con qualche risultato concreto, molte finite ancor prima di arrivare all’agognato primo LP, vera consacrazione per ogni gruppo in un’epoca dove anche registrare tre brani in maniera appena ascoltabile comportava una serie di sacrifici e sforzi economici che al giorno d’oggi sembrano impensabili.

I thrasher capitolini Outrage (citati anche in quella bibbia dell’underground metal che è Sub Terra) facevano parte di quella scena e dopo tre demo registrarono un album che per mille motivi viene pubblicato solo oggi grazie a Vincenzo Barone, già collaboratore di HM, che della band era l’ugola scapocciante.

Oltre a brani inediti, troviamo anche nuove versioni di pezzi già presenti in demo precedenti, come questa Last Fuckin’ Hour: schietta e ruvida, parte con piglio speed sparato a mille trasformandosi in un mid-tempo cadenzato per poi riprendere velocità nel finale.

Non ci si trova certo di fronte a un diamante nascosto, ma è innegabile il fascino che certe schegge di altri tempi continuano ad avere. Sarà l’innocenza, l’amarcord, l’urgenza – ma pur se registrata in maniera non certo stellare, risulta comunque più vera e credibile di mille altre produzioni leccate degli ultimi anni.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.