Myrkur: Ella
Caro, giuro che era solo un amico
 
← Music discovery

La deriva fiera e ammaliante del black.

Myrkur
Ella

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Che il Black Metal scandinavo abbia le radici ben piantate nel folk ce lo ha dimostrato negli ultimi anni quel Panda-munito del fu Conte Varg Vikernes.

È con questo piglio che ci si deve avvicinare al nuovo brano della magnifica Amalie Bruun e della sua creatura Myrkur che – arrivata al terzo album – ha ormai lasciato da parte ogni distorsione chitarristica tipicamente black, lasciando spazio a strumenti acustici della tradizione nordica.

Di quella tradizione, Ella è una rilettura personale che rinnova con vigore lo stretto rapporto tra la natura e l’uomo, dove la Nostra sembra quasi sentirsi finalmente libera da ogni legame con la modernità e abbraccia in toto la cultura delle sue terre, porgendocela con soave maestosità e svelandone tutta la sua bellezza. Un brano delicato e fiero, che verso il finale alza i toni diventando quasi un canto di battaglia solitaria.

Infinitamente più vicina agli ultimi Ulver che ai Darkthrone, Amalie prosegue il suo cammino a ritroso e lo fa in maniera eccellente. Non incidesse per la Relapse sarebbe già idolatrata dai turisti della musica radical chic, magari grazie a una manciata di brani infilati in qualche colonna sonora come successe per la Gerrard. Ma forse è meglio così.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy