New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Katatonia: Lacquer
La danza delle anime dicembrine

Distillare musica pesante da ogni sfumatura di disperazione. Ancora.

Ci sembravano svaniti, i Katatonia. Sciolti e perduti in un etere di dimenticanza, usa-e-getta e ancora oblio. Come una delle tante reminescenze dark/goth metal così in voga nei Novanta/Duemila. E invece… Lacquer, nuovo singolo. Bam! E City Burials, nuovo album in uscita il 24 aprile. Ri-bam!

Piacevole capire che si tratta dei soliti Katatonia, ma anche che la band di Stoccolma è riuscita a intuire la progressione necessaria per non rimanere sempre all’appannaggio del vecchio stilema – più o meno comunque metal – che li aveva contraddistinti nel corso di questi trent’anni di attività. Sempre ancorati a quel dettame – espresso ancora nelle liriche di questo pezzo – del «find a way to kill the pain».

↦ Leggi anche:
Traccia: Katatonia: Serein

Già, perchè se le tonalità plumbee sono le medesime, il pattern dark-electro inietta al tutto una buona dose di novità, pur inserendosi perfettamente nelle ultime derive discografiche della band. Sia chiaro, non sono i suoni a risultare innovativi, ma cavalcare la recente ondata di revival darkwave appare qui l’evoluzione necessaria – e perfettamente funzionante – per i paladini di Viva Emptyness (2003) e, ancora prima, dello storico Brave Murder Day (1996) e di quel goth-doom di cui – insieme ad Anathema e Paradise Lost – avevano forgiato lo stemma.

Jonas Renkse e la sua voce sono ancora gli emblemi di quell’evoluzione sempre più – naturalmente, ci permettiamo di dire – lontana dalle origini, ma che mantiene una solidità e una personalità capaci di far distinguere l’ombra della sua band in milioni di altri cloni. Agli Ulver questa cosa è riuscita eccome. Staremo a vedere se la nuova vita dei Katatonia riserverà ancora un altro tassello significativo. Nel fratempo, ce lo auguriamo eccome.

Katatonia 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!