Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Jonathan Hultén: The Mountain
Sò bravo e sò pure figo. Tiè
↤ Tracce

Il cantastorie che desideravi arriva da dove meno te lo aspetti.

Jonathan Hultén
The Mountain

Jonathan Hultén è un artista completo. Di quelli rari. Non solo è da anni che con i Tribulation regala nuova linfa vitale a un genere moribondo come il gothic metal (anche se definirli così sta diventando riduttivo), nel tempo libero (che dio solo sa dove riesca a trovare) si dedica anche al suo progetto solista. Cosa per cui scrive, suona, si occupa delle animazioni dei video e delle copertine. Tutto in maniera eccellente, tra l’altro, con un risultato ben distante dal tipico progetto semi-DIY riuscito a metà.

Personaggio tanto quieto nella vita privata quanto esuberante sul palco, Hultén arriva alla seconda prova a suo nome, dopo un EP che aveva fatto strabuzzare le orecchie ai più. Da solo infatti risulta apparentemente distante anni luce dalla band d’origine, stacca le spine e prendendoci per mano ci accompagna in un mondo acustico, che per raffinatezza e genio esecutivo non può non rimandare ai maestri folk di fine anni ‘60 / primi ‘70, tra Tim Buckley, Nick Drake e perché no, Simon & Garfunkel. Un testo che è pura poesia, un arrangiamento sorprendentemente bello nella sua semplicità e armonie vocali immaginifiche per un brano che cattura i sensi al primo ascolto e che fa dimenticare completamente tutto ciò che c’è intorno. Già solo con questi presupposti il suo album imminente Chants from Another Place si prenota un posto non solo come disco dell’anno, ma del decennio.

Finalmente un folk singer folletto, non il solito hipster barbaleccato. Se l’umanità fosse dotata di sensibilità reale e gusto per l’Arte con la A maiuscola, avremmo lui come cantastorie: uno dei pochi veri artisti degli ultimi 20 anni.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.