New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

EOB: Shangri-La
Uno sconosciuto che sfrutta a scrocco lo studio di una famosa band di Oxford mentre gli altri non ci sono

Quello bello dei Radiohead nel frattempo ha imparato pure a suonare.

Il terzo chitarrista, in una rock band, nella maggior parte dei casi non serve a un cazzo. Sempre che la band in questione non sia la più importante della storia recente del rock stesso, s’intende. Lì tutto l’ambaradan si complica e un sacco di cose che non servono a un cazzo diventano d’improvviso indispensabili.

Le parole di Thom Yorke confermano (smentendola coi fatti) l’intera la teoria: «reclutammo Ed perché lo trovavamo fico e perché assomigliava a Morrissey». Non proprio l’apologia di un guru delle sei corde, ecco. Quelle di Mr. O’Brien stesso ci vanno giù ancora più pesante: «non ero assolutamente in grado di suonare – quando entrai a far parte del gruppo sapevo a malapena fare un accordo». A giudicare da Pablo Honey, probabilmente era il Sol.

Poco importa che la storia abbia sentenziato, al riguardo, un sonoro “chìssene”: con dei presupposti del genere qualche chilo di scorie ad affossare l’autostima ti rimangono per forza. Ed O’Brien c’ha messo quasi trent’anni a scuotersele di dosso, ma oggi – finalmente – fa outing con una piacevolissima sorpresa, che da sola – nell’ottica di un senno di poi che grazie a Dio non arriva troppo tardi – racconta una capacità di scrittura per niente scontata e conferma il sospetto che non puoi diventare la band più importante della storia recente del rock se tutti i membri non portano il loro personale contributo alla causa.

Soprattutto – cosa, questa, confermata da un dato che molti tendono a dimenticare, ovvero che la band più importante della storia recente del rock non ha subito un solo cambio di formazione in tutta la sua carriera – devi investire sulle persone prima forse ancora che sui musicisti.

9 giugno 1997, Irving Plaza – NYC. Il settore VIP è pieno di gente che dovrà decidere se quella che stanno per vedere diventerà in effetti la band più importante della storia recente del rock. «Prima che aprissero i cancelli sono andato a dare un’occhiata: Madonna aveva il tavolo migliore del locale e mia mamma quello in fondo. Ho pensato “così non va” e ho chiesto che venissero scambiati. Alla fine mia madre era in prima fila, tra gli U2 e i R.E.M. e Miss Ciccone dietro a tutti. Ed è proprio così che deve essere, sono convinto che Madonna avrebbe fatto lo stesso. È bello che ci sia tutta quella gente, ma se c’è la tua mamma, la tua mamma è la cosa più importante».

Questo è Ed O’Brien. La morale della storia è invece che se ci fossero più Ed O’Brien nel mondo, il mondo sarebbe un posto decisamente migliore. Sono sicuro che (Ed)orado Bennato sarebbe d’accordo.

EOB 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 3 persone!