Sightless Pit: Kingscorpse
In qualche modo siamo un power trio no?
 
← Music discovery

Musica per massacrare i sensi. Tutti. Senza distinzioni.

Sightless Pit
Kingscorpse

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Alcune volte le collaborazioni che sulla carta potevano sembrare incredibili, si sono poi tramutate in incubi sonori di cui probabilmente avremmo volentieri fatto a meno (vedi il malriuscito Lulu di Lou Reed con i Metallica). Altre invece hanno regalato vere e proprie gemme incastonate nei gioielli preziosi di Madre Musica (come dimenticare l’accoppiata Sonic Youth/Lydia Lunch in Death Valley ‘69?).

Di quest’ultima categoria potrebbe far parte questa Kingscorpse, singolo di debutto degli Sightless Pit, nuovo progetto firmato da Lee Buford (The Body), Dylan Walker (Full of Hell) e Kristin Hayter (Lingua Ignota).

Per una volta, il lavoro di gruppo vero e proprio c’è e si sente. Una collaborazione alla pari dove – su pattern electro, soundscape claustrofobici e irruenza grindcore – la voce incredibile (filtrata e non) della Hayter fa faville, lasciando l’ascoltatore atterrito. Poche ciance: se c’è una erede artistica a 360 gradi della divina Diamanda Galás, è lei. Le altre, pur volenterose e lodevoli vocalmente, al confronto sembrano una versione emaciata di Ginger Spice.

Comunque – tornando alla big picture – se questo brano serve a dare un assaggio dell’album in uscita a fine febbraio, ci aspetta un lavoro che con questi presupposti si presenta certo non di facile ascolto e assimilazione, ma che potrebbe a sorpresa rivelarsi il disco dell’anno per un certo tipo di sonorità.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy