Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Mija: Gipsy Woman (She's Homeless)
Avrò mica schiacciato una merda?
↤ Tracce

House un po’ meno acida, ovvero #LaDaDeeLaDeeDa 30 anni dopo.

Mija
Gipsy Woman (She's Homeless)

La scena acid house dei primi ‘90 veniva vissuta all’epoca dai più come una continuazione della dance ballabile di bassa lega che aveva infestato gli anni ‘80. Nulla di più sbagliato: se è vero che (come in ogni sottogenere) la maggior parte delle uscite erano tutt’altro che indimenticabili e buone solo per allungare la broda nella discoteca di turno, si mimetizzavano nella massa delle gran belle canzoni. Non solo nell’underground (pensate alle prime, splendide edizioni della compilation Los Cuarenta),ma anche nel mainstream. Singoli meteora che per reali meriti artistici hanno resistito allo scorrere del tempo.

Gipsy Woman dei Crystal Waters (di per sé più vicini agli Art of Noise che ai primi Prodigy) faceva parte di questo gruppo di brani davvero belli, e la recente cover ad opera di Mija non fa che sottolinearne la validità.

La nuova versione va a svecchiare alcune peculiarità sonore ormai obsolete dell’originale, trasformandola in un beat elegantemente di classe, con cantato sensuale e raffinato circondato da suoni modernamente retrò. Il tutto inizialmente in maniera molto soft fino a sfociare in un groove mantrico che non snatura l’originale, anzi: rende il tutto appetibile e gustoso sia per le nuove generazioni, sia per chi quel pezzo lo ballava quasi trent’anni fa.

Non fosse una cover fatta da una semisconosciuta DJ in ascesa sarebbe un instant classic.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.