New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Mariposa: Licio
L'ennesima, magistrale interpretazione di un grandissimo Pierfrancesco Favino

L’orchestrina Liscio Gelli anima la festa di un Paese alla deriva.

Fondamentalmente, una grande famiglia. A loro piace definirsi un “gruppo di musica componibile”, ma tant’è: i due concetti sono più simili di quel che sembra. Una grande famiglia con la selezione all’ingresso però, almeno a scorrere i nomi che hanno preso parte, negli anni, al collettivo bolognese. Per dire, non è certo necessario star qui a cantare le lodi di certi personaggi di confine come Alessandro Fiori o Enrico Gabrielli (uno che ha fatto le fortune di Marco Parente, Paolo Benvegnù, John Parish, Afterhours, Calibro 35, PJ Harvery e chi più ne ha più ne metta), che amano stare più o meno dietro le quinte ma quando c’è da fare sul serio sono i primi della lista.

Dopo otto anni, i Mariposa mettono finalmente fine alla loro eclissi inconsapevole e ritornano in grande stile – forti del contributo di due vecchi amici, i testi di Daniele Calandra (Addamanera) e la voce di Serena Altavilla (Solki) – con Liscio Gelli, un disco che – già dal titolo, in maniera programmatica – si dichiara un complotto artistico bello e buono: far ballare su tempi romagnoli tradizioni musicali e scheletri nell’armadio che niente hanno a che fare con certi avanzi di balera.

Licio riassume perfettamente la cosa: un tango arrugginito in cui la prima repubblica si mette a nudo per farsi guardare sotto la sottana. Craxi ammanettato al letto che aspetta Moana in sottoveste, mentre il gatto piscia nella sabbietta, il cane sullo stipite della porta e il cardinale fuori dal vaso, tra uno swipe e l’altro su Tinder. Un western per voyeur appassionati dei misteri d’Italia, dalle ben precise coordinate temporali, ma simbolicamente fuori dal tempo perché buono per tutti i tempi.

Ci sono i poster dei Duran Duran, di Platini e degli ex componenti della band. Ma soprattutto c’è la prima pagina di Paese Sera: «Arrestato Ugo Tognazzi: è il capo delle BR». Perché – nonostante tutto – il tango, il valzer, il liscio o chi per loro in fondo sono nostalgia dei tempi andati. Quando anche le fake news avevano tutto un altro spessore.

Mariposa 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!