Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Gianluca Grignani: Tu che ne sai di me
Non sono esattamente uscito, un prodotto ben plastificato
↤ Tracce

Da idolo delle ragazzine a rocker infatuato del grunge, tra eccessi e colpi di testa.

Gianluca Grignani
Tu che ne sai di me

Il rock italiano per le masse è sempre stato rappresentato da due noti cantanti – il cui nome non c’è nemmeno bisogno di riportare – che continuano tuttora a riempire stadi (o ex aeroporti) a colpi di sold out.

Questo è quanto, perché altri validi esempi (Afterhours o Marlene Kuntz, per esempio) non sono mai arrivati in veri territori mainstream, così come invece accaduto a diversi gruppi americani a inizio anni Novanta. A ben vedere, anche noi abbiamo un interprete che avrebbe potuto traghettare il rock meno radiofonico – quello più distorto, influenzato da gente come Pearl Jam, Soundgarden e Radiohead – in classifica. E invece.

Dischi come Campi di Popcorn e (soprattutto) La Fabbrica di Plastica rimangono i lavori più rappresentativi di un tizio che solo un istante prima si era imposto come idolo per le ragazzine e poco dopo aveva – inaspettatamente – cambiato strada. Spiazzando tutti, dal suo manager alla sua etichetta discografica fino ad arrivare al suo pubblico.

Le ragazzine, si sa, non perdonano e infatti gli voltarono ben presto le spalle, le vendite calarono da due milioni di copie vendute con il suo primo lavoro alle, irrisorie, 150 mila del suo secondo. Dopo anni di incerto vagare – nei quali i nuovi cantautori della scena indipendente italiana lo hanno riscoperto arrivandolo a citare come fonte d’ispirazione – Grignani torna con un singolo che ha più di un punto in comune proprio con i suoi due migliori album.

Messe da parte certe inopportune Vaschizzazioni che erano prepotentemente entrate nella sua proposta musicale, si riaffaccia sulla scena con una canzone che convince. Ora non rimane che attendere i nuovi dischi (si mormora che saranno ben tre), sperando siano convincenti proprio come Tu che ne sai di me.

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.