Dieci: Coperta
La vita è una coperta
 
← Music discovery

Minimal, surreale e un po' kitsch. Un debutto solista senz'altro promettente.

Dieci
Coperta

Roberto Grosso Sategna viene da diverse esperienze (Ten Dogs, Cosmo, Drink to Me). Il suo progetto Dieci, come i cani nella parentesi, è l’inizio di una nuova avventura artistica che sembra attingere alle poesie minimali di Davide Toffolo, che con un altro numero ha elencato i suoi ragazzi morti. Cani e zombi immersi in un pop da caffè mattutino, un po’ stropicciato e algido ma sbarazzino e curioso.

Una canzone che sbiella discretamente fra romanticismo pastellato e desolazione liceale, il dialogo tra due innamorati arranca mentre le tastiere accarezzano il gozzo e con esse la giornata avanza. Il buio cresce tra le dita e i sorrisi di una relazione che vorrebbe avere la meglio su tutto senza riuscire a vincere neanche la malinconia di un tramonto autunnale.

Il Sategna, con le sue gambe armoniose e l’aria sgualcita, il vestito elegante e l’aria sbattuta si fa largo tra incubi viventi e mostri buffi che non lo mollano un secondo. Coperta è un confetto surreal-kitsch, un po’ furbetto ma insinuante.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy