Dardust: Sublime
Il sublime del Cristo canaro
 
← Music discovery

Il pianismo emo-pop che colpisce e affonda la disillusione di un enochiano.

Dardust
Sublime

Dardust, compositore e pianista, si destreggia con un incipit alla Allevi nei giorni di pioggia, che poi innaffia di arrangiamenti dubstep e vagamente progressivi. Questo alternarsi di alto e basso, contaminazione e purezza, finiscono per trascinare l’ascoltatore in un tugurio di incertezze e fragilità un po’ burinesca. E a escalamare: «ma che so’, froci?!?»

Le immagini avvicinano il sonoro drammatico e un po’ figoso a scenari di profonda sofferenza, dipendenze acute e momenti di esaltazione quasi biblica tra un crampo e un conato di stomaco. E in tutto questo avvicendarsi di vita che sorride e vita che soffre, la musica ci afferra il cuore e lo tira in alto come una pallina da tennis.

In alto verso i tetti delle case di periferia, il sole biondo di un mattino da zombie che invadono la terra e un cielo sonoro che ingiustamente può essere patrimonio di tutti, i lestofanti della filodiffusione e i temerari cercatori di Bandcamp.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy