Bohren & Der Club of Gore: Tief gesunken
Dark jazz for the soul
 
← Music discovery

Bpm ai minimi storici, un tocco di neon, un sax da soft porn ed è subito notte dell'anima.

Bohren & Der Club of Gore
Tief gesunken

Torna il nome (mitico) dei Bohren & Der Club of Gore e si è subito immersi di nuovo in quella atmosfera noir surreale tipica di un certo cinema d’essai. Un po’ Lost Highway. Un po’ Abel Ferrara. Un po’ di neon. E molta. Moltissima notte.

Il trio dark-jazz (talvolta quartetto), nato dal doom di quel posto sperduto di Mülheim an der Ruhr e poi ritrovatosi nei territori dell’avant-jazz filoberlinese, presenta il nuovo materiale in uscita a fine gennaio. Patchouli Blue è il titolo dell’album e sicuramente manterrà fede a queste premesse che fanno dell’esistenzialismo late night la loro raison d’être.

La marcia lenta, opprimente e inesorabile dei B&DCOG suona vintage e suadente al pari di un grande film d’autore. Tief gesunken è una sorta di ennesimo inabissamento profondo (come suggerisce il titolo stesso) nelle tonalità notturne che faranno capolino anche nel prossimo blu patchouliano. Un buon augurio per il nuovo ventennio di questo giovane secolo.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy