Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Automatic: Electrocution
Noi vi odiamo da un sottomarino giallo
↤ Tracce

Apatia robotica pop, contro il logorio dell’elettronica moderna.

Automatic
Electrocution

Kevin Haskins (Bauhaus, Love and Rockets, Tones on Tail) deve avere dei geni molto predominanti, perlomeno quelli inerenti alla musica. Due figlie: la prima (Diva) oltre ad aver collaborato con il padre e con il padrino Daniel Ash nei Poptone, suona con BlackBlack e ha una discreta carriera solista. La seconda (Lola) sta dietro le pelli delle Automatic. Mica male no?

E se è vero che l’essere figlia di ha permesso a quest’ultima (e conseguentemente alla band dove milita) di occupare spot di rilievo come il supportare i Bauhaus nelle recenti date di reunion in America, di certo la proposta non è scadente e scontata e ci regala una serie di brani brevi, scarni e incisivi.

Electrocution è un pezzo di wave elettronica minimale, con un mood dandy in bilico tra eccitazione e noia, pattern quadrato con tastiere roboticamente cheap, voci sensualmente senz’anima, marcato retrogusto pop. Come il gelato fritto cinese (bollente e croccante all’esterno e ghiacciato dentro): non è facile da descrivere, ma è delizioso per il palato. Due minuti e mezzo apparentemente apatici fatti di contrasti per un pezzo che, nonostante la sua prevedibile semplicità, difficilmente esce dalla testa, mandandola inesorabilmente in modalità provvisoria. Per dire, gli Horrors le avrebbero adorate, probabilmente cercando anche di rubar loro parte dei vestiti fashion patinatamente alternativi.

Come ballare da soli guardando la parete del club.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.