Humans vs Robots
 
Andrea Laszlo De Simone: Immensità
Battiato docet
↞ Playlist

Dissolversi nell'immensità. Può succedere, mentre si prova a raggiungere la purezza lirica.

Andrea Laszlo De Simone
Immensità

A metà tra un Alan Sorrenti prog e un Nanni Moretti un po’ fog, Andrea Laszlo de Simone col suo nome unisce gli espatriati ungheresi e la buona borghesia romana, anche se lui è di Torino e di borghese può avere solo la concezione lineare e abbellente degli archi.

Il video sembra uno di quei tristi indipendentismi anni ‘90 che mandavano in visibilio le giurie dei festival gondolanti, anche se l’ispirazione è quella dello Zavattini più audace, per non dire il solito De Sica contumace.

Poesia minimal che porterà il vostro sguardo ad affrontare le nuvole severe in cielo e aprirci sotto un gran sorriso. Musica cauta e sensibile, per chi è stufo di far pasteggiare lo spirito con la lirica liofilizzata dei nuovi cantautori e cerca qualcosa che tenti perlomeno di andare verso la purezza.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)