Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

William Patrick Corgan: Hard Times
Saldamente aggrappato alle proprie radici
↤ Tracce

La terza reincarnazione di solito è quella buona. Voi nel caso lucidate gli stivali da cowboy.

William Patrick Corgan
Hard Times

Anni fa feci un lunghissimo viaggio in solitaria da Houston a Los Angeles in auto, attraversando città di confine e toccando con mano il disagio che sibila profondo negli Stati Uniti meno poetici ma più autentici. Se avessi avuto un disco del genere con me probabilmente avrei capito tante sfumature nascoste della civiltà che stavo esplorando e che mi si parava davanti in tutta la sua brutale campagnolità (che non è una parola).

Non voglio dire che questo pezzo (e questo album) esca in ritardo rispetto al mio viaggio sabbatico, ma probabilmente esce in ritardo anche e soprattutto pensando al percorso personale di Billy Corgan, che oggi – proprio come Cat Stevens o Terence Trent D’Arby – s’incazza se lo chiami così, perché lui è William Patrick Corgan. E buona fortuna a spiegarlo a mezzo globo.

↦ Leggi anche:
William Patrick Corgan: Aeronaut

Il suono di Nashville è così prepotente che se alzi troppo il volume ti crescono gli speroni sulle sneakers e ti spunta la stella da sceriffo sul petto. A parte un episodio vagamente irlandeseggiante (anche qui, un ritorno alle origini) questo disco è l’America nella sua essenza più pura, con un abuso di slide guitar che se lo sa Kid Rock lo corca di mazzate.

Non sono gli Smashing Pumpkins e non è certamente Billy Corgan, ha ragione lui. Questo è un disco di William Patrick Corgan, la terza reincarnazione e – a sto punto – speriamo anche l’ultima.

Ricchi premi e Cotillions soprattutto per le orecchie di chi, quest’uomo, non l’ha mai ascoltato in vita sua. Per tutti gli altri un grande abbraccione virtuale, restiamo uniti e ricordiamoci che ci abbiamo messo un po’ anche a capire Pisces Iscariot o Adore eppure, alla fine, li abbiamo amati fortemente entrambi.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.