Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The National: Hairpin Turns
The National Anthem
↤ Tracce

Ballate rock da adulti, fatte per durare davvero negli anni.

The National
Hairpin Turns

Uscito da qualche mese, I Am Easy to Find risulta essere uno dei picchi più alti della creatività dell’ensemble americano. Fuori dall’hype che circonda molte delle band indie et similia di oggi (e sì, in questo caso 4AD è effettivamente un’etichetta indipendente), fuori dalle grandi recensioni entusiastiche e fuori dalle considerazioni radiofoniche principali, quella di Berninger e soci è divenuta una band a cui mostrare una certa dose di rispetto. Tutto sommato le pose, gli atteggiamenti, le mode legate ai The National hanno comunque una parte di personalità che – a oggi – è difficile non ritenere autentica.

In quest’ultimo lavoro poi, il timbro baritono del suo frontman viene intervallato da numerosi contributi vocali femminili che ne smussano la tonalità monocorde, proprio quella che aveva tenuto lontano in molti dall’apprezzamento in toto della discografia del gruppo.

↦ Leggi anche:
The National: Morning Dew
Big Red Machine: Hymnostic
The National: You Had Your Soul with You
The National: Never Tear Us Apart
Big Red Machine (feat. Anaïs Mitchell): Latter Days
Matt Berninger: I’m Waiting for the Man

Per una volta anche le chitarre sono tenute indietro: colorano e abbelliscono laddove c’è bisogno. In primo piano, oltre alle voci, ci sono gli interessantissimi pattern ritmici di Bryan Devendorf, i pianoforti dal tocco classico (e se vogliamo ancora scolastico) del buon Aaron Dessner e delle orchestrazioni che donano quell’atmosfera mite ed evocativa che chiude meravigliosamente il tutto.

Qualcuno le ha definite «adult contemporary ballads» e Hairpin Turns è il singolo perfetto in questo senso. Quattro minuti: strofa, ritornello, strofa, ritornello, bridge, ritornello. La giusta apertura armonica nel momento in cui è necessaria – un raid mite ma profondissimo – qualche colore e la magia è fatta. Ecco un gran pezzo indie-rock da fine decade.

Con I Am Easy to Find siamo di fronte a un nuovo traguardo della band di Cincinnati. Forse non un cult immediato, ma con grandi prospettive per durare davvero, affisso nel cuore di molti ascoltatori, come quelli che hanno perso i R.E.M. e stanno cercando i loro successori.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.