Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The Districts: Hey Jo
Angeli protettori per l'album che verrà
↤ Tracce

La goccia buona nell’oceano delle guitar-band.

The Districts
Hey Jo

Con i Districts, quartetto di Lititz, Pennsylvania, ci eravamo lasciati all’album Popular Manipulations, del 2017. Un album che, per diversi aspetti, doveva essere il lavoro della maturità, ma che invece è stato accolto come si accoglie un non invitato alla festa che, per giunta, non porta niente da bere. Un errore clamoroso, perché non solo si trattava di un egregio lavoro, ma aveva pure il pregio di portare con sé un paio di singoli che giravano bene. Parliamo di If Before I Wake, e Ordinary Day.

Ciò che ha sempre giocato a sfavore dei Districts è di trovarsi in un girone troppo affollato: quello delle folk/blues band dalla personalità spiccata, ma dalla produzione non sempre all’altezza del clamore. Una linea lunga almeno un paio di decenni, che va dagli Stereophonics ai Black Keys, passando per i Mumford & Sons.

↦ Leggi anche:
The Districts: If Before I Wake

Ma ecco ora un nuovo album dal titolo che suona autobiografico: You Know I’m Not Going Anywhere. Il quarto, in uscita a marzo, sempre con la Fat Possum Records. Un disco che rischiava di non esserci, perché la band, per sua stessa ammissione, dopo lunghi periodi spesi in tour, era brasata.

Ma come spesso accade in questi momenti, il leader si impossessa del timone e fa il cacchio che vuole. Rob Grote, voce e penna del gruppo, si è chiuso nella sua stanza e ha creato di getto «cose che non suonavano come The Districts». Così è andata: il singolo Hey Jo non aderisce alla formula abrasiva di sempre. Pare costruito su un giro di una hit pop minore degli anni Settanta, con incedere un po’ arcadefireiano. Un gioiellino.

Questa è una band infuocata che non scotta. E forse questo è l’album del grande incendio.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.