Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Not Moving Ltd: Lady Wine
Still moving after all those years
↤ Tracce

wHELLcome back, ovvero come un Ltd non può cancellare la storia dell’underground italiano.

Not Moving Ltd
Lady Wine

C’erano una volta i Not Moving. Ovvero una delle band italiane più pazzesche che siano mai esistite. Realmente selvaggia. Realmente anarchica. Realmente punk nell’accezione più ampia e sincera del termine.

Suonavano qualcosa che stava a metà strada tra il garage, il rock and roll, il blues e la wave più chitarristica, qualcosa che in molti hanno ripreso ma che in pochi hanno fatto loro in maniera convincente. Non gli importava delle mode. Non gli importava del successo. Non gli importava di niente. Manco di voi.
Sono stati anche onesti: quando hanno finito di avere qualcosa da dire come nucleo, hanno chiuso: ognuno ha preso la sua strada e (tranne qualche sporadica reunion live) il moniker Not Moving è stato consegnato alla storia.

Oggi viene riesumato, con un piccolo suffisso (Ltd). La cosa rivendica sì il proprio passato (siamo sempre noi) ma lo aggiorna (non proprio come eravamo). Così ritroviamo i “vecchi” – Lilith alla voce, Tony Face alla batteria e Dome La Muerte alla chitarra – affiancati da Iride Volpi e in un secondo sembra di essere tornati nel 1982. Perché se gli anni passano e le rughe diventano più marcate, il sangue che scorre nelle vene resta il medesimo.

Lady Wine è sporca, sulfurea, maliziosa, graffiante, e ci consegna una band che non fosse per una mera questione anagrafica sarebbe da incasellare nella sezione “questi ragazzi sono da tenere d’occhio”. La voce alla nicotina di Lilith mette a zittire tutti i bananati wannabe che indossano centinaia di euro di capi della Killstar mentre la chitarra di Dome sputa bile e disprezzo, il tutto tenuto insieme da Tony Face che detta il ritmo come un Charlie Watts particolarmente incazzato. Tre minuti viziosi, sudici, erotici per un 7” che segna la (ri)nascita di una delle band più fiche di sempre. Bentornati.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.