Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Marillion: Fantastic Place
Lord e ragazzini a teatro
↤ Tracce

Farsi portare in un posto fantastico, ancora una volta. Accompagnati da un’orchestra, a questo giro.

Marillion
Fantastic Place

«I never could dream while I was sleeping / Put your arms around my soul / And take it dancing». In molti si ricordano questo bel pezzo dei Marillion. I tempi erano quelli del maestoso Marbles (2004): piccole perle (biglie, per meglio dire) sulla perdita dell’infanzia. Decisamente un buon disco, pieno di belle canzoni e di una suadente e fascinosa atmosfera malinconica. Neverland, The Invisible Man, Angelina. Decisamente non da poco.

Nel repertorio reimmaginato di With Friends from the Orchestra – il nuovo lavoro dei Marillion in compagnia di una sezione d’archi e una di fiati, uscito lo scorso 29 novembre – questa semplice ballad riacquisisce un certo fascino pop-rock e riesce a togliersi la polvere (quindicennale) di dosso. Bene, decisamente bene per i cari e vecchi progster inglesi, un po’ lord e un po’ sempre ragazzini.

↦ Leggi anche:
Marillion: The New Kings

Hogarth sembra sempre essere in forma ed è ormai appurato come i suoi Marillion siano una cosa differente da quelli che riempivano i palazzetti negli anni Ottanta (ebbene sì), ai tempi di Fish. La band resta sempre impeccabile e il quartetto d’archi, insieme ai due fiati (corno inglese e flauto), impreziosisce il tutto, riuscendo a far ritornare quella voglia di inabissarsi in un nuovo ascolto, da cui ricominciare per arrivare in chissà quale isola sperduta. In ogni caso, sempre in buona compagnia.

«Take me by the hand / You’ll either kill me or you’ll save me / Take me to the island / Show me what might be real life».

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.