Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Marc Almond (feat. Ian Anderson): Lord of Misrule
La prossima volta chiamiamo anche Waters e Lydon così fanno pace
↤ Tracce

Invecchiare con stile? Meglio in due (generazioni).

Marc Almond (feat. Ian Anderson)
Lord of Misrule

Prima di essere un EP dei NOFX, “Never Trust a Hippy” era uno slogan punk ‘77 che, oltre a essere stato usato per un celeberrimo bootleg dei Sex Pistols, veniva citato anche su Who Killed Bambi, nella colonna sonora di The Great Rock ‘n’ Roll Swindle.

Il concetto era semplice per l’adolescente di fine Seventies: non fidarti della generazione precedente. C’era una forte rottura e un disprezzo totale per i “Fratelli Maggiori”, un tenere le distanze cantato anche da Johnny Rotten (sì, quello con la famosa maglietta I Hate Pink Floyd) in Seventeen.

↦ Leggi anche:
Ti amiamo forte e duro, Ian Anderson

Però poi uno invecchia. E diventa lui stesso “la generazione precedente”. Passati di molto i primi “anta”, gli screzi e le frecciate scompaiono e si tende a fare comunella. Quindi, risultando entrambi cariatidi, un settantenne e un sessantenne possono collaborare senza che nessuno gridi allo scandalo (tranne forse i duri e puri che, come un ritratto di Dorian Grey al contrario, sono rimasti giovani e sciocchi dentro pur invecchiando fuori).

Quarant’anni fa nessuno si sarebbe aspettato una collaborazione tra la voce unica di Marc Almond e il flauto di quel folletto pazzo di Ian Anderson dei Jethro Tull. Sarebbe stata vista come una follia. Oggi è realtà, (neanche recentissima, lo hanno già fatto qualche anno fa) e questo nuovo pezzo suona da dio. Sopra le righe, barocca, pomposa, pacchiana, ridondante, come solo due personaggi apparentemente agli antipodi come loro potevano fare: qualcosa di terribilmente kitsch e affascinante allo stesso tempo. Senza tralasciare un testo che è una delle cose più esplicitamente politiche mai uscite dalla penna dell’ex Soft Cell.

Un brano irresistibile per chi saprà coglierne lo spirito. Per gli altri che storceranno il naso… cito Lilith and the The Sinnersaints (ex Not Moving): «Ma a te il punk non ti ha insegnato un cazzo?».

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.