Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Laibach: Honourable, Dead or Alive, When Following the Revolutionary Road (Arduous March Version)
E mo chi glie lo dice a Kim Jong-Un?
↤ Tracce

La linea sottile tra fregare il sistema e sostenerlo.

Laibach
Honourable, Dead or Alive, When Following the Revolutionary Road (Arduous March Version)

Assieme ai Death in June i Laibach sono uno dei gruppi più controversi di sempre. Mai si è capito (o hanno voluto far capire) dove finiva la provocazione e dove iniziava la propaganda vera e propria. Questa proiezione è rimasta nel tempo, nonostante lo scenario politico-sociale e la musica (o perlomeno il suo valore esterno alla mera composizione/esecuzione di un brano) siano cambiate drasticamente nel corso degli ultimi 35 anni.

Eppure, messaggi a parte, i nostri continuano a mutare, e cesello dopo cesello hanno reso meno ruvido e più raffinato il loro sound, partendo da un industrial iconoclasta e approdando su lidi quasi “pop” nell’accezione meno plausibile e più folle possibile.

↦ Leggi anche:
Laibach: Das Nachtlied I

Ne è un fulgido esempio questo nuovo singolo, outtake risalente alle registrazioni fatte durante un tour in Corea del Nord (la cui storia viene descritta esaustivamente nel documentario Liberation Day di Uģis Olte e Morten Traavik). Basato sull’aria facente parte dell’opera rivoluzionaria Nord Coreana Tell O’ The Forest del 1972, il brano si muove su un tappeto marziale accompagnato da melodie squisitamente orecchiabili dove fa capolino la voce monocorde e imperiosa di Milan Fras, in un gioco di contrapposizioni affascinante ed elegante che invece di snaturare la solennità del brano originale ne accentua il lato emozionale ed empatico.

Se parte dell’aurea che circonda l’ensemble ex-jugoslavo continua a rimanere misteriosa, la loro classe è indubbiamente evidente, e continua a regalare anno dopo anno musica di qualità a coloro che hanno la capacità di avvicinarsi al loro percorso senza pregiudizi.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.