New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Kompromat: Das Grab
Vi fareste servire da bere da due tipi così?

L’arte di mischiare ingredienti creando sapori nuovi.

A livello musicale stiamo vivendo un’epoca dove la differenza non la fa tanto il “nuovo” (dato che tutto o quasi è stato già sperimentato), quanto il come si miscelano i sapori del passato. Artisti che possono essere considerati dei baristi semplici (quelli che propongono sempre e comunque una birretta, al massimo uno spritz) si affiancano a pochi, veri bartender che con maestria shakerano alcolici, bibite, frutta, quello che vi pare, per regalarci cocktail che ci appaghino le papille e i sensi. I migliori sono quelli che preparano pozioni indefinibili: uno li assaggia ma non capisce subito cosa c’è. E allora beve ma mentre lo fa ci pensa, si concentra, cercando di captare qua e là il maggior numero di ingredienti possibili.

Questo è ciò che spinge a fare il nuovo singolo dei Kompromat. Perché somiglia a molte cose, ma in maniera poco definita.

Il duo francese è sulla piazza da poco tempo ma già si è imposto come uno dei nomi di riferimento per l’elettronica nuova a 360 gradi. Merito di un album uscito quest’anno che combina con sapienza e parsimonia electroclash, EBM e synth-pop nell’accezione più nobile del termine.

Assaggiare Das Grab fa venire in mente Dead Cities dei Future Sound of London, ma con un appeal tipo Kiss the Whip degli Athamay e un rigore lo-fi riscontrabile in Fancy Fingers dei Sixteens. Con una spruzzatina di Clock DVA sul bordo del bicchiere. E i Fisherspooner come olivetta.

Questo essere minimali, scarni, efficaci e ruffianamente trasversali è il punto di forza dei Kompromat, che possono piacere un po’ a tutti, sia a chi vuole ballare sia a quelli che preferiscono ascoltare qualcosa in auto sparando i volumi a palla.

Che poi il cocktail “buono” sia sinonimo di forte, bevibile, dolce, secco… sta al palato del degustatore. Di certo ‘sti barman ci san fare.

Kompromat 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 9 persone!