Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Kompromat: Das Grab
Vi fareste servire da bere da due tipi così?
↤ Tracce

L’arte di mischiare ingredienti creando sapori nuovi.

Kompromat
Das Grab

A livello musicale stiamo vivendo un’epoca dove la differenza non la fa tanto il “nuovo” (dato che tutto o quasi è stato già sperimentato), quanto il come si miscelano i sapori del passato. Artisti che possono essere considerati dei baristi semplici (quelli che propongono sempre e comunque una birretta, al massimo uno spritz) si affiancano a pochi, veri bartender che con maestria shakerano alcolici, bibite, frutta, quello che vi pare, per regalarci cocktail che ci appaghino le papille e i sensi. I migliori sono quelli che preparano pozioni indefinibili: uno li assaggia ma non capisce subito cosa c’è. E allora beve ma mentre lo fa ci pensa, si concentra, cercando di captare qua e là il maggior numero di ingredienti possibili.

Questo è ciò che spinge a fare il nuovo singolo dei Kompromat. Perché somiglia a molte cose, ma in maniera poco definita.

Il duo francese è sulla piazza da poco tempo ma già si è imposto come uno dei nomi di riferimento per l’elettronica nuova a 360 gradi. Merito di un album uscito quest’anno che combina con sapienza e parsimonia electroclash, EBM e synth-pop nell’accezione più nobile del termine.

Assaggiare Das Grab fa venire in mente Dead Cities dei Future Sound of London, ma con un appeal tipo Kiss the Whip degli Athamay e un rigore lo-fi riscontrabile in Fancy Fingers dei Sixteens. Con una spruzzatina di Clock DVA sul bordo del bicchiere. E i Fisherspooner come olivetta.

Questo essere minimali, scarni, efficaci e ruffianamente trasversali è il punto di forza dei Kompromat, che possono piacere un po’ a tutti, sia a chi vuole ballare sia a quelli che preferiscono ascoltare qualcosa in auto sparando i volumi a palla.

Che poi il cocktail “buono” sia sinonimo di forte, bevibile, dolce, secco… sta al palato del degustatore. Di certo ‘sti barman ci san fare.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!


.