New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Hollie Cook: Dance In The Sunshine
Pretty VaChameleon

Hollie Cook
Dance In The Sunshine

Non sempre i figli d’arte (insospettabili) deludono.

Essere figli d’arte non è facile. Spesso si sente il peso di un’eredità ingombrante, un nome a cui rendere onore, aspettative troppo alte, o semplicemente bisogna combattere contro i pregiudizi di chi a prescindere marchierà l’erede di turno come raccomandato.

Le cose sono tre: o si naviga nella celebrazione di un passato glorioso dei propri genitori (qualcuno ha detto De André?), o si hanno delle qualità fuori dal comune che nessuno dotato di senno può permettersi di criticare (Buckley?) oppure si prende la cosa con un sorriso e si fa quello che più piace fregandosene del resto.

Quest’ultima opzione è quella che più si addice a Hollie Cook, figlia di Jani – storica corista dei Culture Club – e di Paul Cook – batterista dei Sex Pistols. Una che gironzolava con Bowie a dieci anni insomma.

Una carriera costellata di collaborazioni di tutto rispetto ( Slits, Ian Brown degli Stone Roses, Jamie T), dove però le cose migliori vengono dalle sue prove soliste.

Dance in the Sunshine è un piacevolissimo brano reggae (lei lo chiama tropical-pop ma quello è) che fa risplendere la sua bellissima voce e mette istantaneamente allegria. Good vibrations a go go con una freschezza esecutiva che è raro trovare nelle nuove uscite del genere senza incappare in cloni dei cloni plastificati.

E a chi (dato il DNA) si sarebbe aspettato qualcosa più anticonformista, va ricordata la sua dichiarazione più famosa: «È difficile essere una ribelle quando tuo padre è uno dei Sex Pistols».

Come darle torto… Anche perché come padrino ha Boy George.

Hollie Cook 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 9 persone!