Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Domkraft (feat. Mark Lanegan): Where We Part Ways
Pestiamo duro, sai?
↤ Tracce

Da Stoccolma con amore, tra riff alla Screaming Trees e cupe atmosfere alla Alice in Chains.

Domkraft (feat. Mark Lanegan)
Where We Part Ways

Vi mancano certe atmosfere che si respiravano negli anni Novanta? Canzoni sofferte e pesanti come quelle presenti nell’omonimo album degli Alice in Chains? Brani lisergici come quelli degli Screaming Trees? Allora è il momento di scoprire i Domkraft, un trio nato nella fredda Stoccolma solo quattro anni fa, gruppo che a colpi di riff doom metal che manco i Sabbath e ritmiche da infarto imparentate con lo stoner, stanno pubblicando roba in grado di fare la differenza.

Il loro più recente lavoro, intitolato Slow Fidelity, è un EP, anche se la durata potrebbe suggerire il contrario. Parliamo, infatti, di quattro canzoni che però, da sole, vanno oltre i quaranta minuti. Quasi un’ora di malate litanie che raggiungono il loro momento topico nella tenebrosa Where We Part Ways, dove a un certo punto, quasi per magia, entra la voce di… Mark Lanegan.

↦ Leggi anche:
Christine Owman: When On Fire (feat. Mark Lanegan)
Mark Lanegan: Skeleton Key

«Collaborare con i Domkraft è stato divertente, quel tipo di musica che non ho avuto modo di cantare ultimamente», ha rivelato l’ex cantante dei Trees, «mi ricorda la musica della mia gioventù».

Tutto torna, dunque, compresa la strabiliante performance vocale di Mark, mai così convincente dai tempi di Blues Funeral (il nome dell’etichetta per cui esce appunto Slow Fidelity, guarda un po’).

Luca Villa
Luca Villa

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.