Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Black Midi: Ducter
Il nero protocollo della nuova musica underground.
↤ Tracce

Una tirata d’orecchie a tutti quelli che sostengono non ci sia più niente di interessante in giro.

Black Midi
Ducter

Schlagenheim. O della musica senza genere. O di ogni genere. Un album che deve essere passato nelle orecchie di tutti coloro che possono (o vogliono) definirsi musicofili. I Black Midi sono qui. E sono per tutti i gusti. Anche se su YouTube qualche simpatico commento li definisce semplicemente come gli Swans che incontrano i Talking Heads. Altri – altrettanto semplicemente – the next big thing nel panorama della musica inglese.

Se volessimo indicare un genere di riferimento – proprio davanti a una rivoltella puntata alla testa – potremmo buttare lì un math-rock. O un ancora più generico art-rock. Ma non si capirebbe la profondità dell’ultimo tassello di questo grande lavoro, uscito per Rough Trade il 21 giugno 2019. Experimental-rock, dai, la chiudiamo così. Un po’ This Heat, Pere Ubu, tanto Talking Heads appunto. Ma anche molta personalità e originalità.

↦ Leggi anche:
Black Country, New Road: Track X
Black Midi: Marlene Dietrich

PrendiamoDucter, ad esempio. Ciclo ritmico ossessivo, reminescenza kraut berlinese, frizzante, vocal che passano da un mondo a un altro. Visioni lo-fi che si mischiano a groove da discoteca etnica, piglio rock’n’roll, figosità cool da pubblico hipster e qualità tecnica degna del nome. Non sembra certamente poco. Provare per credere.

Da canzoni come questa si deve passare per provare a capire quanto sia importante aprire veramente le orecchie (e la mente) per non fermarsi all’ostracismo ferreo del “non c’è più musica interessante in giro”. Ed esaltarsi poi ancora per l’ultimo ed ennesimo remake, ristampa, remix, re-editing, sequel, prequel e strategie varie. Bah. Geordie Greep, Matt Kwasniewski-Kelvin, Cameron Pincton e Morgan Simpson forse l’hanno vista lunga e con le loro trame sperimentali hanno scosso l’underground musicale di quest’anno.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.