Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Anoushka Shankar: Bright Eyes
La figlia del Guru
↤ Tracce

Moderne lezioni di sitar, tra Londra e Delhi.

Anoushka Shankar
Bright Eyes

Anoushka Shankar non è di certo l’ultima arrivata. Figlia del grande maestro del sitar indiano Ravi Shankar e sorellastra di Norah Jones, l’artista – di nascita londinese – non è mai stata fatta per stare in seconda fila. Passaporto britannico, seconda casa a Delhi, prima performance a 13 anni, nel 1995, sei candidature ai Grammy, scrittrice, attrice e produttrice. Diciamo che può bastare.

Questo periodo è decisamente proficuo per lei. Escono infatti i suoi due nuovi singoli: Bright Eyes e In This Mouth, entrambi con la collaborazione dell’amica stretta Alev Lenz, nota cantante turco-tedesca, la cui partecipazione aveva già portato i suoi frutti in The Land of Gold, dell’album omonimo della Shankar. Compagna di avventure, di scuola e di scrittura artistica, la Lenz è ormai una fida collaboratrice, oltre che un’ottima ugola.

Fondamentalmente Bright Eyes è una canzone d’amore, come sottolinea la stessa Shankar, ma il piano e il contrabbasso, uniti a sitar e ghatam, rendono il pezzo una suadente canzone chamber pop, di quello patinato di world music, come adesso sa funzionare bene. In effetti, lo fa decisamente. E tutti gli echi reminescenti di grandi culture e tradizioni non possono che migliorare le forme di un comparto musicale tutto occidentale, ancora legato a certi pesi radiofonici.

A ogni modo, Anoushka è un’artista consapevole, ormai capace di affrontare un proprio percorso e di inserirlo senza frizioni di sorta in un certo panorama musicale britannico. Bene così, crediamo. E ci auguriamo che valga qui una delle massime di memoria indiana: «Non c’è nulla di nobile nell’essere superiore a un altro uomo. La vera nobiltà sta nell’essere superiore alla persona che ravamo fino a ieri».

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.