New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Anoushka Shankar: Bright Eyes
La figlia del Guru

Moderne lezioni di sitar, tra Londra e Delhi.

Anoushka Shankar non è di certo l’ultima arrivata. Figlia del grande maestro del sitar indiano Ravi Shankar e sorellastra di Norah Jones, l’artista – di nascita londinese – non è mai stata fatta per stare in seconda fila. Passaporto britannico, seconda casa a Delhi, prima performance a 13 anni, nel 1995, sei candidature ai Grammy, scrittrice, attrice e produttrice. Diciamo che può bastare.

Questo periodo è decisamente proficuo per lei. Escono infatti i suoi due nuovi singoli: Bright Eyes e In This Mouth, entrambi con la collaborazione dell’amica stretta Alev Lenz, nota cantante turco-tedesca, la cui partecipazione aveva già portato i suoi frutti in The Land of Gold, dell’album omonimo della Shankar. Compagna di avventure, di scuola e di scrittura artistica, la Lenz è ormai una fida collaboratrice, oltre che un’ottima ugola.

Fondamentalmente Bright Eyes è una canzone d’amore, come sottolinea la stessa Shankar, ma il piano e il contrabbasso, uniti a sitar e ghatam, rendono il pezzo una suadente canzone chamber pop, di quello patinato di world music, come adesso sa funzionare bene. In effetti, lo fa decisamente. E tutti gli echi reminescenti di grandi culture e tradizioni non possono che migliorare le forme di un comparto musicale tutto occidentale, ancora legato a certi pesi radiofonici.

A ogni modo, Anoushka è un’artista consapevole, ormai capace di affrontare un proprio percorso e di inserirlo senza frizioni di sorta in un certo panorama musicale britannico. Bene così, crediamo. E ci auguriamo che valga qui una delle massime di memoria indiana: «Non c’è nulla di nobile nell’essere superiore a un altro uomo. La vera nobiltà sta nell’essere superiore alla persona che ravamo fino a ieri».

Anoushka Shankar 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 3 persone!