New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Zbigniew Preisner, Lisa Gerrard, Dominik Wania: Nightmare
I tre nuovi moschettieri della musica sacra

Zbigniew Preisner, Lisa Gerrard, Dominik Wania
Nightmare

Sacralità immortale: l’apice della musica classica e contemporanea insieme.

Che meraviglia il nuovo album di questi tre personaggioni della musica sacra! La dea australiana dei Dead Can Dance fa da portavoce per le composizioni del Maestro polacco Zbigniew Preisner (noto soprattutto per la collaborazione con il conterraneao regista Krzysztof Kieślowski, a cui ha dedicato la mirabile meditazione in musica che è il Requiem for My Friend e l’esecuzione pianistica dell’altrettanto grande Dominik Wania.

Melodies of My Youth – quasi una continuazione di quel Diaries of Hope del 2013 – è quell’album di cui non si è parlato. Un disco che è rimasto e rimarrà per sempre nascosto nelle collezioni (o negli hard disk, diciamolo pure) di qualche appassionato musicofilo. Le memorie d’infanzia, nella composizione di Preisner, prendono quella luce dolce e nostalgica che passa attraverso la Cortina di ferro e arriva nei rintocchi del piano di Wania e nella voce angelica della Gerrard, che imperterrita e perfetta riesce a integrarsi con questa idioglossia (ancora non ben identificata nello specifico – almeno da noi umanoidi – ma che continuiamo a chiamare la “voce del cuore”, come ci dice l’artista).

↦ Leggi anche:
Dead Can Dance: The Mountain
Lisa Gerrard & Jules Maxwell: Noyalain

Qui – nella penultima traccia, Nightmare – che abbiamo scelto come portavoce del discorso più generale su questo piccolo gioiello di musica contemporanea, appare chiaro come il talento di una voce possa presentare una composizione di stampo est-europeo in tutta la sua grazia antologica e debussyana. Secolare. Se di musica classica si può parlare, qui, è quel classico nella sua accezione più sacra e immortale.

Zbigniew Preisner Lisa Gerrard Dominik Wania 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!