Van Morrison: Dark Night Of The Soul
Belfast's finest
 
← Music discovery

La notte dell'anima è buia, ma Van the Man ci si orienta benissimo.

Van Morrison
Dark Night Of The Soul

Meditate, gente. I grandi restano grandi. Bentrovato, dunque al magnifico polistrumentista nordirlandese. Bentrovato, in questa notte, oscura, dell’anima.

«Meditate on this and it will be revealed / Meditate on this and you will get healed / Meditate on this and you will feel whole / Get the vision of the ghost, again».

Dark Night of the Soul è il nuovo singolo dell’album (il sesto in appena quattro anni) Three Chords and the Truth, uscito lo scorso 25 ottobre via Exile/Caroline International. Eppure l’ultima grande carrellata di canzoni, anche in questo mare prolifico, non mente sulla qualità del caro vecchio Van Morrison, Belfast, classe 1945.

Cinquant’anni di musica, palcoscenici e nottate in studio di registrazione si sentono tutti. Insieme a una certa e quasi confortante malinconia di rito. In ogni strada che si è presa, voluta o solo incrociata per caso.

«Sitting here but I didn’t plan it this way / Well the plans of mice and men have gone astray / Now I’m standing on the landing / I’m looking for a brand new day».

Le origini musicali del Van the Man riecheggiano tutte in questo brano: si trovano infatti insieme – naturalmente – tutte le attenzioni al soul/jazz, le incursioni folk/blues e quello spirito rock’n’roll tinto di decadi di musica vera, sentita e suonata con corpo e cuore. Un sacco di roba e di tempi, forse andati forse no. Anche e solo, ancora una volta, una semplice bella canzone.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy