Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Italia 90: Stroke City
Fanculo gli stylist
↤ Tracce

Buttate via tutti i manuali: ecco la sintesi di ciò che dovrebbe essere il post-punk.

Italia 90
Stroke City

C’è una differenza abissale tra la forma e la sostanza. E sono ormai troppi anni che escono dischi solo formalmente ispirati al post-punk inglese, alcuni anche molto belli, assolutamente, ma a cui manca sempre qualcosa. Perché è facile imitare suoni, look, refrain, liriche. Meno semplice è riuscire a farlo mantenendo quasi intatta l’attitudine originaria. Il punk (come tutti i figli bastardi che ha generato nell’arco di una manciata di anni) veniva dal basso. Era urgenza comunicativa. Era spingere al massimo le proprie capacità tecniche a favore sempre e solo del pezzo (e/o del messaggio). Era grezzo, diretto, maledettamente efficace. Le sue diramazioni cambiavano semplicemente il “modo”, ma l’attitudine era invariata.

Questo scopiazzare (male) ha rotto i cosiddetti. Ma c’è speranza.

Per chi è stufo di dandy annoiati che giocano a fare gli Ian Curtis del sabato sera, vengono in soccorso gli Italia 90. Forti di un paio di EP, i quattro reietti originari di Brighton e di stanza a South London hanno l’attitudine cruda e diretta che troppo spesso manca nel post-punk prêt-à-porter dei giorni nostri. Stroke City inizia in preda a un impeto positive figlio degli Ausgang con un cantato Oi!, per poi trasformarsi in un trip paranoide che sembra uscito da Join Hands dei Banshees. Chitarra monocorde, voce con marcato accento del sud, un mantra recitato politicamente scorretto, disturbante e ipnotico. Produzione minimale ed efficace, sezione ritmica implacabile.

«You never thought / That one day they would come for you / You’re not a criminal / And politics ain’t what you do / You just close your eyes and smile / And take a life»

This is the real deal.

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.