New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Girl Band: Going Norway
Panic attacks Dublin

Angosce e paranoie del nuovo grande corso del punk dublinese.

Si, è vero. Non siamo proprio in anticipo a parlare del nuovo album dei Girl Band. The Talkies è uscito il 27 settembre per la mitica Rough Trade e ci è voluto un po’ per digerire una vagonata di musica che sancisce, insieme a Murder Capital e Fontaines D.C., il primato musicale irlandese nel nuovo corso del punk contemporaneo.

Già, perché se il fenomeno Brexit aveva dato nuova linfa allo spirito electro-punk di Sleaford Mods e Idles (giusto per citarne alcuni), sembra che la benzina, la linfa, il carburante musicale sia oggi particolarmente efficace anche a Dublino. Dara Kiely torna con tutte le sue angosce e paranoie e il resto della band imbastisce un sound decisamente figlio dei tempi che corrono.

The Talkies è sprezzante, inquieto, rumoroso. Sgangherato e controllato come solo una mente contorta (non è quella di tutti i veri artisti, dopotutto?) può essere. Il lotto di canzoni ricuce lo strappo tra Birthday Party, Bad Brains, Refused (quelli d’oro, naturalmente) e tutto il nuovo fenomeno di revival post-punk tinto di indie che imperversa nelle bacheche degli pseudo-musicologi di oggi. Critica sociale e psicologica: beh, questo è il campo dei Girl Band.

Going Norway esemplifica (insieme alla totalizzante Shoulderblades e ai loro video lynchiani) quello che è lo spirito del disco e del gruppo, costantemente influenzato dalle derive ansiogene di Kiely. Non a caso infatti, alla fine, è proprio il suo modo di esprimersi che diviene uno dei punti di forza di tutta questa carovana di attacchi di panico, sedute dallo psicologo e ritrovamenti di super-io. Nel perfetto spirito post-punk nordico.

Daniel Fox sorregge con basso e produzione un sound tonico e ferroso, aiutato dalle dissonanze di Alan Duggan che sanno di ruggine e al compendio ritmico inquieto di Adam Faulkner.

«That’s all mental / That tastes menthol». E se davvero lo squilibrio del mondo è il suo bello, allora cose come questa sono davvero manna per il palato dei cultori del nuovo corso del punk mondiale.

Girl Band 

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!