New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Duster: Copernicus Crater
Il prossimo disco lo intitoliamo Dacia?

Il risveglio dello slowcore vs. il risveglio dallo slowcore.

Bastarono una manciata di singoli, EP e due album (Stratosphere e Contemporary Movement) sul finire degli anni 2000 a consacrare i Duster come una delle band più influenti e originali del post-rock/slowcore. Una band eccellente. Che ovviamente si sciolse.

Cosa rimase per chi si innamorò di loro? Nulla. O meglio, il susseguirsi di side project (Eiafuawn – post lo-fi – ed Helvetia – alt-rock sperimentale dai tratti pigramente lisergici) o band precedenti da riscoprire (Valium Aggelein – il nome è già un programma – e Mohinder – post math-hardcore spietato).

Silenzio. Finché a fine 2018, via social, i membri originali della band dichiarano che stanno registrando. A marzo 2019 pubblicano un cofanetto contenente tutta la discografia e ninnoli vari mentre in estate un singolo stand alone (Interstellar Tunnel), accompagnato da un bizzarro videoclip. Insomma, accenni di vita che portano a oggi, con l’annuncio di un nuovo album omonimo in uscita a dicembre.

E il pezzo scelto come antipasto spazza via da subito ogni dubbio: Copernicus Crater è il compendio di tutto ciò che la band ci ha saputo regalare nelle pubblicazioni precedenti, tra atmosfere dilatate, stratificazioni chitarristiche e suoni che si prendono il loro tempo per espandersi lentamente ma inesorabilmente. Musica assolutamente NON da sottofondo, che va ascoltata con qualcosa di più che le sole orecchie, a cui bisogna abbandonarsi per raggiungere il piacere, fisico e mentale.

Alla fine, è anche il clima adatto, no?

Duster 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!